L’Alimentazione del gatto

Per garantire salute, agilità e pelo lucido, l’alimentazione del gatto è un’operazione fondamentale e indispensabile.
Ormai, da molti anni, tantissime aziende si sono specializzate nella produzione di alimenti di ottima qualità, sia secchi che umidi, per soddisfare il loro benessere.
Personalmente, dato che gestisco una numerosissima Colonia felina  di, circa, 40 mici, non posso permettermi di spendere cifre esorbitanti quindi, oltre ai prodotti già confezionati, integro, anche, riso, pollo bollito o tritato di manzo, tonno o pesce.
Durante questi 35 anni, in cui mi sono occupata di animali ( principalmente gatti),  ho utilizzato tantissimi prodotti confezionati delle marche più disparate ( Friskies-Le Chat-Simba-Libra-Smilla-Gourmet gold-Wiskas-Felix-Miglior Gatto... potrei elencarne all’infinito di più o meno costose o economiche).
Quelli con cui mi sono trovata meglio, in rapporto qualità- prezzo, sono:

  • Smilla patè e  Smilla  croccantini ricchi, entrambi, di vitamine A e D, proteine, fibre vegetali e senza OGM; MOLTO GRADITI DAI MIEI MICI!

  • Felix Ghiottonerie: ottimo prodotto, appetitoso con vitamine e minerali perfettamente bilanciati…I MIEI MICI NE VANNO LETTERALMENTE PAZZI!!!.

  • Wiskas in gelatina: ogni lattina contiene tanta carne fresca, vitamine e nutrienti, niente coloranti né aromi artificiali e zuccheri aggiunti.

  • Wiskas  croccantini ripieni: che dire! Un croccante appetitoso con un morbido ripieno, nutrizionalmente bilanciato e completo.

Sono anni che uso questo prodotto, sia umido che secco, e…MI TROVO BENISSIMO!
Con questa alimentazione, i miei mici, sono…Soddisfatti, Sazi e Felici!!!

Buon appetito a tutti!

Miewww!!! Frrr!!!

2017- Inizia un nuovo anno di avventure

Cari a-mici, il 2017 è entrato già da un po’ e quest’anno saranno 20 anni da quando ho iniziato ad occuparmi di pelosi.
Non posso prevedere cosa ci riserverà questo nuovo anno: ogni mese, ogni giorno sono sempre stati imprevedibili qui alla Colonia. Ci saranno nuovi abbandoni? Ci saranno incidenti o malattie? I miei piccini vivono liberi e potrebbe accadere di tutto.


Comunque sia, mamma Giusi affrontera’ con forza, tanto amore e tanti sacrifici questo nuovo anno di avventure, nel rispetto e con la massima cura dei suoi piccini, come ha sempre fatto.
Questo Gennaio è stato un mese particolarmente freddo, con neve e gelo anche qui in Sicilia…cosa davvero rara per noi siciliani.
I mici hanno avuto bisogno di maggiori attenzioni e cure: pappe calde, coperte di lana cambiate di continuo, acqua gelata che, se non cambiata spesso, avrebbe potuto danneggiare la loro salute , medicine per i raffreddori e tanto altro. Insomma tantissimo lavoro e tante spese per la loro mammina.


Per fortuna, non c’è stato nessun avvenimento tragico e, a tutt’oggi, posso dirvi che tutte le mie creature stanno bene. I miei sacrifici sono ricambiati dal loro amore ed io li faccio sempre volentieri, perché loro fanno parte della mia famiglia. Confido sempre nell’aiuto di tutti gli amici della Colonia felina dell’Etna perché da sola non posso affrontare tutte l’emergenze.


Vi ringrazio tantissimo per l’affetto che ci avete dimostrato fino ad ora e che spero continuerete a dimostrarci inviando aiuti economici, adottando a distanza, inviando cibo, coperte e medicine. 

Un grande abbraccio da mamma Giusi e dalle sue palle di pelo. VI ASPETTIAMO!

Una giornata tipo…

Non  so se raccontarvi come si trascorre una tipica giornata in colonia sia per voi interessante, ma posso dirvi che resta sempre una gioia anche dopo tanti anni; non è mai una routine.
Ogni mattina la sveglia è circa alle 5 e 30;  la truppa pelosa non si riunisce tutta insieme e viene a salutarmi in posti differenti. Alcuni  mici mi aspettano davanti alla porta di casa, altri nella zona di dietro. Si muovono in gruppi ed è nostra abitudine distribuirci in questo modo. Anche io lo preferisco perchè così posso avere più saluti dai miei amati.

Pappe_1Prima di pensare alla colazione e di aver cura della mia persona da brava gattara inizio con la distribuzione del cibo e mi assicuro che tutti possano  mangiare; la cosa più bella è che le pappe sono sempre  precedute da coccole e fusa. Subito dopo aver riempito le ciotole provvedo a posizionare le scodelle con l’acqua pulita. Alla fine il lavoro meno felice perchè debbo pulire tutto terrazzo dai residui del primo pasto.

Ecco, terminato il primo incontro mattutino posso dedicare un pò di tempo a sistemarmi; d’altra parte sono sempre una signora 🙂

Pensate che la mattinata sia terminata? Assolutamente no, perchè alle 10 e 30 c’è la seconda colazione con il suo ricambio acqua e stessa cosa avviene alle 13. Dovete sapere che i gatti amano mangiare piccole razioni, ma spesso durante il giorno; forse penserete che siano un pò viziatelli. E’ il mio modo per accudirli e per fare stare bene i miei piccini. Inoltre dovete pensare che i gatti in colonia sono liberi e si muovono molto. Lo spazio da perlustrare ogni giorno è veramente grande e quindi hanno un metabolismo che brucia tutto quello che viene mangiato.
Detto questo non vi meravigliate se c’è un altro “rifornimento” alle 17 e per tutti gli amanti delle ore serali c’è l’ultimo appuntamento delle 20.
I gatti sono per lo più animali notturni per cui la cena è più sostanziosa, accompagnata da tante coccole: <<ci vediamo domani, paperetti miei>>.

Pappe_2Una volta a settimana pulisco le loro cucce e d’inverno metto pezze pulite di lana, d’estate di cotone affinchè possano accoccolarsi sempre in un luogo morbido e pulito.
I miei piccini sono quasi tutti sterilizzati, ma ne arrivano sempre di nuovi: la casa è circondata da aperta campagna e l’odore del cibo attira tutti i gatti delle vicinanze, proprio come è successo con Foffo, il nuovo trovatello, che ormai sta qui in pianta stabile.
I nuovi arrivati all’inizio sono titubanti, poi si accorgono che mamma Giusi è una brava gattara e si affezionano, come io con loro.
Come ogni colonia libera ci sono gatti che vengono abbandonati nel mio giardino da persone poco civili; alcuni neonati, altri che già mangiano da soli. Quelli piccoli piccoli li ho cresciuti col biberon allattandoli tante volte durante la giornata. Altre volte li ho affidati a qualche mamma gatta.
Con grande dispiacere devo dire che non tutti ce l’hanno sempre fatta.
Tra tante belle storie ce ne sono alcune veramente tristi, come quella volta in cui ben 10 sono morti avvelenati. Purtroppo i vicini di casa non sono contenti di questa colonia. Mi hanno detto che i  loro bisogni gli rovinano le piante. E’ un gran dispiacere per me sia pensare del disturbo che recano agli altri, sia vedere che sono stata costretta, con gran pena, a seppellirli nel mio giardino.

Questa è la mia colonia amici e questa è la vita quotidiana a contatto con tutti i miei piccini. Una vita che parla di storie belle e gioiose, a volte tristi e sofferte, ma che nel loro trascorrere riempiono la mia.